Benvenuto su Opinione Irpina .citizen journalism and blog   Click to listen highlighted text! Benvenuto su Opinione Irpina .citizen journalism and blog Powered By GSpeech
Login
"Un uomo solo che guarda il muro e' un uomo solo. Ma due uomini che guardano il muro e' il principio di un'evasione"
Jack Folla

Vale la pena riassumere il caso del neo-ministro del neo-ministero Aldo Brancher:

  • * Condannato in primo e secondo grado a 2 anni e 8 mesi per finanziamento illecito ai partiti e falso in bilancio; si salva in Cassazione grazie alla prescrizione per il secondo reato e alla depenalizzazione del primo da parte del governo Berlusconi, del quale faceva parte.
  • * Accusato di aver dato 300 milioni di lire in contanti all’allora ministro della Sanità Francesco De Lorenzo, ha ammesso di aver pagato la mazzetta.
  • * Indagato a Milano per ricettazione nell’indagine sullo scandalo della Banca Antonveneta e la scalata di Gianpiero Fiorani all’istituto creditizio.

Brancher aveva quindi tutte le carte in regola per non sfigurare nell'esecutivo ed è stato così scelto come nuovo  responsabile del dicastero per l’Attuazione del Federalismo del quarto governo Berlusconi. L'ulteriore dimostrazione che il nuovo che avanza è l'avanzo del vecchio.
Dopo lo sfogo del pm Eugenio Fusco (vedi video), qualcuno interviene non sull'indecenza del legittimo impedimento nè sull'immorale ultima nomina; del resto chi ha firmato lo fatto per entrambi i documenti. Ciò che si contesta a Brancher è quindi di non avere un portafoglio, di avere pochi impegni istituzionali e quindi il tempo per affrontare i processi.
Perchè allora non concedere ad Aldo Brancher un ministero vero e proprio e di tutto rispetto? Perchè abbandonare a se stesso un uomo con siffatto curriculum? Perchè mettere in difficoltà chi firma con tale compostezza?

 

 

Commenti:

Non hai diritti per rilasciare commenti

Info sull'Autore

Daniele G

Iscriviti alla Newsletter

Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech