Benvenuto su Opinione Irpina .citizen journalism and blog   Click to listen highlighted text! Benvenuto su Opinione Irpina .citizen journalism and blog Powered By GSpeech
Login
"Non ho mai chiesto di occuparmi di mafia. Ci sono entrato per caso. E poi ci sono rimasto per un problema morale. La gente mi moriva attorno."
Paolo Borsellino

Nella puntata di ieri di Passaparola (in onda anche su Opinione Irpina), Marco Travaglio ha ricostruito lo sconcertante caso che vede tra i protagonisti l'irpino Pasquale Lombardi. Geometra, giudice tributario onorario, ex sindaco di Cervinara ed esponente di punta della Dc irpina negli anni settanta ed ottanta e passato poi in Forza Italia, Lombardi è prima coinvolto nell’inchiesta della procura di Roma su alcuni appalti del settore eolico in Sardegna e successivamente nel caso della “nuova P2”.  Su Il Fatto Quotidiano i riferimenti alla figura storica della Valle Caudina sono numerosi, come



I consiglieri del Csm Giuseppe Maria Berruti ed Ezia Maccora, pochi mesi prima di finire nel mirino del faccendiere Pasquale Lombardi, perché contrari alla nomina a presidente della Corte d’appello di Milano di Alfonso Marra, erano stati attaccati dal ministro Angelino Alfano. Compagno di partito e in ottimi rapporti con il coordinatore del Pdl, Denis Verdini, anche lui indagato per la nuova P2. Ora quell’attacco lascia intravedere i contorni di una possibile manovra di gruppo contro quei magistrati che non vogliono scendere a patti con la politica.

E poi:



Fare nominare Alfonso Marra presidente della Corte d’appello di Milano. Questo lo scopo delle iniziative del faccendiere Pasquale Lombardi per convincere i consiglieri del Csm Giuseppe Maria Berruti ed Ezia Maccora, che invece erano contrari alla nomina. Lombardi ne discute al telefono con lo stesso Marra (”Sa da avdè c sadda fa cu Berruti, perché l’unico stronzo è lui. E’ lui e la Maccora!”).


Ed ancora:


Cosentino è indagato per l’episodio della candidatura sostenuta dal gruppo di Carboni alla presidenza della regione Campania e per la diffamazione ai danni del governatore della Campania, Stefano Caldoro. Tra gli episodi contestati anche le pressioni alla corte di Cassazione per anticipare l’udienza sulla discussione in merito alla misura cautelare emessa nei confronti di Cosentino dalla procura di Napoli. Pressioni esercitate per conto della presunta associazione segreta da Lombardi nel tentativo di salvare la candidatura di Cosentino alla presidenza della regione Campania.
 

 Di seguito, la puntata suddetta di Passaparola (12/07/2010):

 

 

Commenti:

Non hai diritti per rilasciare commenti

Info sull'Autore

Daniele G

Iscriviti alla Newsletter

Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech