Benvenuto su Opinione Irpina .citizen journalism and blog   Click to listen highlighted text! Benvenuto su Opinione Irpina .citizen journalism and blog Powered By GSpeech
Login

Consenso eventi di comunicazione

"Un diluvio di parole, la malevolenza mascherata ancora una volta da garantismo, principi, regole."
Attilio Bolzoni (Uomini soli)

Odio bianco

di Daniele Giuliano

Dall'introduzione:


Quanto volte vi è capitato di non riuscire a leggere un libro che pare voglia soffocarvi. Ben scritto e dalla storia interessante vi trasporta in un mondo plastificato nelle architetture e negli abitanti, studiato nei minimi particolari; è pronto ad accogliervi allo stesso modo ogni qual volta riprovate a sfogliarlo. Tutto è predisposto ed il lettore è solo un osservatore dall'alto della scena  descritta e non di altro; non viene lasciato nulla di vago, tutto è documentato.

Molti , soprattutto i lettori con grande esperienza, hanno una capacità di immaginazione più veloce delle parole di un libro; il personaggio viene da loro rappresentato ancor prima che lo scrittore termini la sua particolareggiata descrizione. Certo ci si discosta da ciò che l'autore immaginava al momento della stesura; è di sicuro un male? Penso che in molti casi possa essere un vantaggio per entrambi.

Il non spiegar troppo lascia la possibilità di varie sfumature interpretative,  costruzioni di luoghi, protagonisti, dialoghi, tempi. Ognuno può far propria la storia, darne un senso, scegliere il volto del cattivo, catturare sensazioni in base al proprio background. L'autore si può ritrovare con un'opera che mostra una profondità estrema, moltiplicata per il numero dei lettori; e che probabilmente mostra quello che era l'originario soggetto subcosciente.

Con questi presupposti nasce il soggetto di Odio bianco”: una ricetta complessa per lettori “indisciplinati” preparata da chi ama cucinare. Vi sono delitti efferati ma non è un horror; c'è un misterioso assassino ma non è un giallo; vi sono ovviamente delle indagini ma non è un poliziesco. Sono ingredienti importanti ma la portata principale è l'odio soggiacente. Eppure ciò che rende il sapore persistente è la profondità del gusto , il condimento: l'intimità dei personaggi. E' tutta lì la verità; senza quella interiorità il piatto è freddo, può solo sfamare.

 

eBook segnalato da eBookGratis.net, il portale degli ebook (italiani e stranieri) gratis!

Collegamenti:

Pagina su Facebook: clicca su "Mi piace!"

L'AlterBlog

 

Odio bianco: video Promo 1

Odio bianco: video Promo 2

Odio bianco: video Promo 3

Odio bianco: video Promo per lancio

 

Evento! Download gratuito - Versione pdf

Evento! Download gratuito - Versione epub

 

 

Commenti:

Non hai diritti per rilasciare commenti

Info sull'Autore

Daniele G

Iscriviti alla Newsletter

Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech