Benvenuto su Opinione Irpina .citizen journalism and blog   Click to listen highlighted text! Benvenuto su Opinione Irpina .citizen journalism and blog Powered By GSpeech
Login
"Io sono fatto per combattere il crimine, non per governarlo. Non e' ancora giunto il tempo in cui gli uomini onesti possono servire impunemente la patria. I difensori della liberta' saranno sempre dei proscritti finche' la masnada dei furfanti dominera'."
Maximilien de Robespierre

La pecora rassegnata è una compagna tanto preziosa quanto pericolosa per la pecora contestatrice; è infatti una stuzzicante valvola di sfogo per la sua capacità di ascoltare gli improperi della pecora che sclera verso il sistema; ha però anche tanti argomenti che possono demotivare, tutti riassumibili dal detto "una pecora non può spostare una montagna".

La pecora remissiva ascolta i ruggiti della collega, la accompagna con accondiscendenza nel suo costante ruminare pensieri trasudanti combattività. E lo fa guardando la pecora reattiva con profondi occhi di pena.

Se la pecora contestatrice non cede al disfattismo della pecora inerte, con rinnovato vigore restituisce quella pena al mittente tramutandolo in un essere esanime; se invece si fa sopraffare dall'emotività e dalla negatività ha come unico destino la disillusione perpetua.

Commenti:

Non hai diritti per rilasciare commenti

Info sull'Autore

Daniele G

Iscriviti alla Newsletter

Click to listen highlighted text! Powered By GSpeech